Cedere alle tentazioni

Quella della lista e dei libri, intendo. E non potevo lasciarla lì, sola e triste, su Facebook, quindi la metto ancora più sola e più triste su un blog morto (con una variazione finale).

In realtà non ho capito se i libri devono avermi cambiato la vita o devono solo essere libri che mi sono piaciuti, quindi facciamo che ci metto un po’ di libri che hanno determinato dei cambiamenti di vario genere, libri che hanno segnato un periodo della mia vita e un po’ di libri che mi sono piaciuti e basta. In ordine casualissimo, ma con foglietto illustrativo.

  1. Infinite Jest – David Foster Wallace
    [come una sineddoche: un libro per il tutto il DFW che devo ancora scoprire, per la fatica e l’attenzione che richiede prima di schiudersi come un fiore bellissimo e terribile, per il dolore, perché è uno scrittore che riesce a toccarti fino ad un punto che non credevi nemmeno di possedere]
  2. Il teatro di Sabbath – Philip Roth
    [perché alla fine le cose importanti sono proprio quelle lì: l’amore, il sesso, i tuoi ricordi, l’orologio di tuo fratello e staranno con te per sempre]
  3. La separazione del maschio – Francesco Piccolo
    [perché non c’è un solo modo di amare]
  4. La ballata delle prugne secche – Pulsatilla
    [sì, e lo rivendico con orgoglio: perché se non avessi letto il suo libro non avrei conosciuto Splinder e non avrei aperto un blog che potevo anche risparmiarmi ok, ma non avrei mai conosciuto la metà di tutti gli amici che ho oggi, non avrei trovato un certo tipo di lavoro, non vivrei dove vivo. E se non mi ha cambiato la vita questo libro, non so quale altro]
  5. Cuore – Edmondo de Amicis
    [perché come dice Cundari “Questi sono i libri veramente importanti: quelli su cui hai praticamente imparato a leggere, in un tempo in cui leggere un libro richiedeva uno sforzo oggi inimmaginabile”]
  6. Memorie di Adriano – Marguerite Yourcenar
    [perché forse è stato il primo approccio con la grande letteratura, il momento in cui quello che studiavo al liceo in quegli anni si è mostrato in tutta la sua grandezza e universalità]
  7. La casa degli Spiriti – Isabel Allende
    [perché la narrazione, il Sudamerica, perché se non ti fai portare via dalle storie così a 16 anni, non lo fai più]
  8. Le Benevole – Jonathan Littell
    [Per ricordarci cos’è l’oscurità che c’è dentro di noi. “Ma il disumano, scusate, non esiste. C’è solo l’umano e poi ancora l’umano”]
  9. Compagno di Sbronze – Charles Bukowski
    [Perché i libri della mia adolescenza me li sono guadagnati tutti con un grande sforzo di curiosità: ricordo ancora quando l’ho visto in libreria e ho deciso di comprarlo, senza sapere nemmeno chi fosse.]
  10. Furore – John Steinbeck
    [Perché ha la potenza della Bibbia e insomma: quella l’ha scritta Dio, mica poco]

10/b. Di cosa parliamo quando parliamo d’amore – Raymond Carver
[Perché le parole hanno un valore]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s