Misericordia

Scrive Tomaso Montanari in Patrimonio Culturale:

l’arte non è mai solo la singola opera, il preteso “capolavoro assoluto”: l’arte è la relazione tra le opere. È il contesto, il vero, inarrivabile, capolavoro dell’arte italiana. Il tessuto continuo di natura e arte, figure e parole, storia e idee che ci avvolge e ci dà forma anche se non lo comprendiamo.

Non c’è niente che spieghi meglio questa frase quanto andare a Napoli, imboccare via dei Tribunali ed entrare nel Pio Monte della Misericordia per ammirare uno straordinario Caravaggio. Vederlo lì, nello stesso luogo per il quale è stato concepito, studiato, pensato, fortemente voluto. Guardarlo in relazione alle opere che lo circondano, le opere antiche e le opere contemporanee che dialogano con questo capolavoro che colpisce allo stomaco.

E poi uscire, uscire e trovarsi di fronte Napoli, nella sua via più centrale, poter sentire, nonostante l’affollamento dei turisti alla ricerca di una pizza, l’odore della strada umida, le voci un po’ sguaiate dei passanti negli antri scuri del quartiere; le mille storie, le mille disperazioni di chi non arriva a fine mese, di chi piange un morto, di chi ha un parente in carcere: sono ancora le stesse anime, più di quattrocento anni dopo, che hanno bisogno solo di un po’ di Misericordia, quella di Dio e quella che Caravaggio dona loro attraverso la sua bellezza fatta di ombre e pietà.

Caravaggio - Sette opere di Misericordia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s